8 agosto 2022 – h 21
MENECMI di Plauto

Regia Christian Poggioni

Musiche originali Irina Solinas

Produzione Associazione Kerkis – Teatro Antico in Scena

Menecmi, messa in scena per la prima volta alla fine del III sec. a.C., rappresenta il prototipo perfetto di commedia degli equivoci, con i suoi scambi di persona, mancati riconoscimenti, agnizioni finali. Rispetto ad altre commedie di Plauto, dove le maschere del cuoco, del parassita, del soldato o del servo, sono caratterizzate più finemente, sembra che in questo dramma il poeta abbia voluto esasperare il più possibile la trama, sacrificando i personaggi.
Ambientata ad Epidamno – l’odierna Durazzo – l’azione è innescata dal profondo desiderio di Menecmo II di ritrovare il fratello gemello disperso, ignaro di tutto: ma ciò che scatena la risata e resta nella mente dello spettatore è la cascata di equivoci che la presenza dei due a Epidamno scatena.
Anche il greco Menandro aveva più volte adottato lo stile della commedia degli equivoci nei suoi testi, dove però è sempre rintracciabile una riflessione filosofica sul ruolo della sorte nella vita umana e un grande approfondimento della psicologia dei personaggi. Ciò che invece sembra regnare nei Menecmi di Plauto è il caos: un caos in realtà magistralmente “organizzato” dal genio di Plauto.
A partire dall’apertura del sipario il pubblico è letteralmente travolto, la ridda di colpi di scena lo fa sussultare, scombina le carte davanti ai suoi occhi a tal punto da far provare agli spettatori la stessa confusione che colpisce Menecmo I.
E così per tutta la commedia, sia gli uomini seduti a teatro sia il protagonista non fanno che agognare l’incontro dei due gemelli e lo scioglimento degli equivoci.
Il riadattamento che Shakespeare fece dei Menecmi con la sua Commedia degli errori, è solo uno dei tanti riconoscimenti che i drammaturghi successivi riservarono a Plauto: un poeta così originale da costringere a coniare un aggettivo solo suo: stile plautino.

Info e prenotazioni

I.A.T. – Servizio Turistico Associato 075 9220693 – info@iat.gubbio.pg.it

Lascia un commento