• 1
  • GERUSALEMME ANNO XXXIII - La notte degli ulivi
  • GERUSALEMME ANNO XXXIII - La notte degli ulivi
  • GERUSALEMME ANNO XXXIII - La notte degli ulivi
  • GERUSALEMME ANNO XXXIII - La notte degli ulivi
  • GERUSALEMME ANNO XXXIII - La notte degli ulivi
  • GERUSALEMME ANNO XXXIII - La notte degli ulivi
  • GERUSALEMME ANNO XXXIII - La notte degli ulivi

LA NOTTE DEGLI ULIVI
di Érich-Emmanuel Schmitt

Scarica la scheda artistica

Érich-Emmanuel Schmitt racconta la storia universalmente nota di Jeshua (Gesù di Nazareth) da un’angolazione originale e provocatoria: il suo è un Jeshua dal volto profondamente umano, che esprime una istintiva gioia di vivere e una dolorosa angoscia di fronte alla morte. È un ebreo che, vissuto in una Galilea dove pullulavano i falsi Messia, per primo dubita, si interroga, vive un conflitto lacerante tra l’umano e il divino.

Jeshua è solo sul monte degli ulivi.
Questa è la notte di tutte le inversioni.
“Chi sono io? Come è cominciato tutto questo?”

Sa che tra poche ore verrà arrestato e condannato a morte.
“Come posso arrogarmi il compito di parlare in nome di Dio?
Non è presunzione, vanità, follia?”

Si sente sommergere dal panico, si domanda come sia giunto a
questa notte decisiva.
“Non ho risposte a queste domande.
Semplicemente faccio la scommessa di essere veramente il figlio di Dio.
Perché se perdo, non perdo nulla.
Ma se vinco, vinco tutto. E faccio vincere tutti.”

Comincia a ripercorrere le tappe fondamentali della sua esistenza
terrena: dall’infanzia a Nazareth al primo amore giovanile,
dall’incontro con Giovanni Battista alla ricerca mistica nel deserto,
dalla chiamata dei discepoli ai primi miracoli, dallo scontro con i
farisei alla scelta di sacrificarsi.
“Riuscirò ancora a sentire la voce di mio padre quando mi inchioderanno?
E se non rimanesse più che questa povera voce umana per urlare l’agonia?
Ho paura. Dubito. Vorrei salvarmi.”

È lui stesso, infine, a chiedere a Giuda Iscariota, il suo discepolo
preferito, di tradirlo: solo così potrà terminare la sua scommessa.
“Tra qualche ora si saprà se sono davvero il testimone di mio Padre o se
non ero che un pazzo. Uno di più.”

Lascia un commento