Ambra Rinaldo

Ambra Rinaldo

…. esteta da tartufo, mi aggiro per Milano dall’anno ZERO del duemila… girovago per il dipartimento di Scenografia nel cuore della città, diplomandomi nel frattempo alla scuola di teatro dell’Arsenale. Concludo gli studi a Brera con il buon Roberto Favaro, lavorando al teatro suddetto ed a zonzo per un pò, fra l’opera, il musical (….pasticcere troskjista…) i divertenti ensemble e i compositori teutonici… conoscendo in un abbaglio fortunato Pestalozza…. Quando, seguendo i vecchi fervori da bassista di una falangetta dei Brain Dead, i No,ici naif! e (gli altri) Castello delle uova,…. incontro Nicola Arata, polistrumentista avvezzo, per diletto, al teatro, ed in piena ricerca di UNA musica per la scena. Mi innamoro seduta stante della ricerca e mi getto a capofitto: succulento banchetto per una pittrice e musicista.
Lavoro e mi sviluppo nell’incontro di varie discipline, come la musica, il teatro e la pittura, alla ricerca di un linguaggio comune alle diverse arti. Impugno il contrabbasso con la sinistra, mentre la destra afferra pennelli e spatole, e così armata mi imbatto in Christian Poggioni: da un reading a suon di violoncello e percussioni ci siamo ritrovati a costruire molti mondi, e molti altri han da venire ancora.
Qualcuno e qualcosa ancora, bolle in pentola ….
rose.hce@gmail.com