22 febbraio 2018 – h 21
APOLOGIA DI SOCRATE – Platone

Regia e drammaturgia di Christian Poggioni

Con Christian Poggioni

Scenografia e costumi Aurélie Borremans

ingresso libero

Perché un pensiero cambi il mondo,

bisogna che cambi prima la vita di colui che lo esprime.

Che cambi in esempio.

(A. Camus)

Scarica la scheda dello spettacolo

L’evento cui si riferisce l’Apologia è l’autodifesa che Socrate pronunciò davanti ai giudici di Atene nel 399 a.C. Platone ne fu testimone oculare.

Socrate, vittima di una congiura politica, è accusato di empietà e di corrompere i giovani. Per questo è condannato a morte, ma al termine del processo porge ai propri accusatori un ultimo, fondamentale messaggio:

“Se credete, col condannare a morte uomini, di impedire a qualcuno di rimproverarvi perché non vivete in modo retto, voi non pensate bene; a un uomo giusto, infatti, non può capitare nessun male, né in vita né in morte.”

È questo di Platone il dialogo politico per eccellenza, che vede di fronte un uomo e la sua comunità nel drammatico confronto sul senso di vivere personale e politico.

La riduzione drammaturgica rispetta l’originalità del testo platonico e la messa in scena mira ad una comunicazione immediata e coinvolgente, affinché risuonino vivi e attuali il pensiero e la vita di Socrate così come la testimonianza diretta di Platone ce li tramanda.

La rappresentazione ruota attorno al dialogo tra Socrate, i suoi accusatori e i 500 giudici della polis che, nello spettacolo, prendono simbolicamente vita grazie alla presenza del pubblico stesso.

L’Apologia, i cui toni drammatici sono costantemente stemperati dall’inesauribile ironia del filosofo ateniese, ripropone al pubblico contemporaneo lo stile della dialettica socratica, strumento indispensabile per la ricerca della conoscenza e la definizione dei valori.

Il rapporto tra Socrate, i suoi accusatori e i giudici ateniesi, crea un contrasto drammatico tra l’attore e il pubblico, direttamente chiamato in causa dalle domande e dalle provocazioni del maestro, le cui parole risuonano attuali qui e oggi non meno che nell’aria corrotta dell’Atene di allora.

La nostra Atene ha oggi un suo Socrate da ascoltare?

Spettacolo organizzato in collaborazione con

ASSOCIAZIONE ITALIANA CULTURA CLASSICA

Address: Via XI Febbraio, 8, 23900 Lecco LC, Italia
Share on Google+Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento

X
- Enter Your Location -
- or -