11 maggio 2016 – h 11 e 20,30
APOLOGIA DI SOCRATE – Platone

Apologia di Socrate

Regia e drammaturgia di Christian Poggioni

Con Christian Poggioni

Scenografia e costumi Aurélie Borremans

18 febbraio – 2 repliche: ore 11.30 e 20.30

Perché un pensiero cambi il mondo,

bisogna che cambi prima la vita di colui che lo esprime.

Che cambi in esempio.

(A. Camus)

L’evento cui si riferisce l’Apologia è l’autodifesa che Socrate pronunciò davanti ai giudici di Atene nel 399 a.C. Platone ne fu testimone oculare.

Socrate, vittima di una congiura politica, è accusato di empietà e di corrompere i giovani. Per questo è condannato a morte, ma al termine del processo porge ai propri accusatori un ultimo, fondamentale messaggio:

“Se credete, col condannare a morte uomini, di impedire a qualcuno di rimproverarvi perché non vivete in modo retto, voi non pensate bene; a un uomo giusto, infatti, non può capitare nessun male, né in vita né in morte.”

È questo di Platone il dialogo politico per eccellenza, che vede di fronte un uomo e la sua comunità nel drammatico confronto sul senso di vivere personale e politico.

La riduzione drammaturgica rispetta l’originalità del testo platonico e la messa in scena mira ad una comunicazione immediata e coinvolgente, affinché risuonino vivi e attuali il pensiero e la vita di Socrate così come la testimonianza diretta di Platone ce li tramanda.

La rappresentazione ruota attorno al dialogo tra Socrate, i suoi accusatori e i 500 giudici della polis che, nello spettacolo, prendono simbolicamente vita grazie alla presenza del pubblico stesso.

L’Apologia, i cui toni drammatici sono costantemente stemperati dall’inesauribile ironia del filosofo ateniese, ripropone al pubblico contemporaneo lo stile della dialettica socratica, strumento indispensabile per la ricerca della conoscenza e la definizione dei valori.

Il rapporto tra Socrate, i suoi accusatori e i giudici ateniesi, crea un contrasto drammatico tra l’attore e il pubblico, direttamente chiamato in causa dalle domande e dalle provocazioni del maestro, le cui parole risuonano attuali qui e oggi non meno che nell’aria corrotta dell’Atene di allora.

La nostra Atene ha oggi un suo Socrate da ascoltare?

Info e prenotazioni:

www.kerkis.net

direzione@kerkis.net

tel 342 5304844

[gmw_single_location map=”1″ map_width=”100%” map_height=”450px” additional_info=”address,phone,fax,email,website” directions=”1″]

Lascia un commento